PRESENTAZIONE          STRUMENTI       WEBCAM        FOTOGRAFIA         GALLERIA                                                                                                                             HOME

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PILLOLE DI ASTRONOMIA

I TELESCOPI RIFLETTORI

 I TELESCOPI RIFRATTORI

LE COMETE

GLI ASTEROIDI

LE METEORE

LA LUNA

TECNICA

MODIFICHE 114

SUI PICCOLI STRUMENTI

TUTORIAL - COME USARE LA WEBCAM

 SPAZIO PROFONDO CON POCA SPESA -  MEADE DSI

CONSIGLI PER LA COLLIMAZIONE DEL NEWTON

::::::::::::::::::::::::::::::::

::::::::::::::::::::::::::::::::

Solar Activity Monitor

The images is updated  every ten minutes

Solar X-rays:
Status
Geom.Field
Status

 

 

 

 

METEORE E METEORITI

In passato il termine meteora veniva usato per indica re fenomeni atmosferici quali le nubi, i fulmini,le aurore polari, la pioggia e così via. Ai giorni nostri, questi corpi che entrano nella nostra atmosfera, hanno un nome preciso e sono ben note le loro caratteristiche.

 METEORE

Sono fugaci fenomeni luminosi dovuti all’incendio, per attrito con l’atmosfera,di minuti e minutissimi frammenti, generalmente di origine cometaria.

In media su mille meteore solo due o tre hanno origine asteroidale. Le comete, lungo le loro orbite, disperdono innumerevoli corpuscoli a causa del loro passaggio vicino al Sole.

Queste particelle finiscono per descrivere delle orbite intorno al Sole, quasi come le comete stesse. Di conseguenza, ogni volta che la Terra attraversa questi detriti si osserva una pioggia meteorica. In alcuni casi, queste manifestazioni, hanno dato origine a vere e proprie piogge di meteore.

Questi fenomeni, si ripetono regolarmente ogni anno. Altri sciami invece, sono intensissimi in certe annate e deboli in altre.

Nel 1872 e nel 1885 ad esempio, le Andromeidi, provocano una cascata luminosa con un’intensità di 6 mila e 75 mila meteore all’ora. La loro origine è legata alla cometa 3/D Biela.

Altro importante sciame, le Leonidi, scatenano ogni 33 anni intense piogge e il 13 novembre 1833 produssero circa 50 mila meteore all’ ora. Questo gruppo è prodotto dalla cometa Tempel-Tuttle.

La frequenza delle piogge meteoriche è comunque elevatissima, anche se nella maggior parte dei casi sono di minima intensità.

Per concludere questa veloce analisi, è bene dire che non tutte le meteore sono associate a sciami meteorici. Molte di queste appartengono alla moltitudine delle “ solitarie “, di varia provenienza.

L'atmosfera terrestre brucia circa 10 milioni al giorno di questi particolari tipi di oggetti.

 METEORITI

 Un meteorite è un corpo, di notevole massa, che attraversando l’atmosfera viene in parte bruciato, e ciò che resta raggiunge la superficie terrestre.

Questi corpi, sono pezzi di roccia, spesso metalliferi, e la loro origine è da ricercarsi tra gli asteroidi. Si calcola che ogni anno cadano a terra alcune centinaia di meteoriti.

Naturalmente questi fenomeni sono molto più rari delle meteore e quanto più sono grossi, tanto più sono rari.

In passato il nostro pianeta ha subito varie ferite a causa di questi impatti.

Alcune di queste cicatrici sono ancora visibili. La più famosa è certamente quella dell’Arizona ( cratere Barringer ), il cui diametro è di 1200 metri, con una profondità di 175 e un bordo che si eleva di 50.

Si è calcolato che la massa caduta ai suolo ammontasse a 100 mila tonnellate e che lo schianto sia avvenuto circa 50 mila anni fa.

Oltre a questo, molti altri crateri, più o meno grandi, si possono notare sulla nostra vecchia Terra.

 BOLIDI

Solitamente si definiscono con questo nome le meteore la cui luminosità è molto elevata ( superiore alla magnitudine -24. La loro massa è cospicua e la fusione del corpo viene accompagnata da esplosioni, cambiamenti di colore e rumori simili a tuoni.

In alcuni casi, parte del bolide può arrivare a terra e l’avvistamento di questi corpi in cielo, unita a sibili o tuoni, desta sempre molta impressione, anche ai giorni nostri.

 

Tutti i marchi citati appartengono ai legittimi proprietari

Ultimo aggiornamento Giugno 2012