PRESENTAZIONE          STRUMENTI       WEBCAM        FOTOGRAFIA         GALLERIA                                                                                                                             HOME

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PILLOLE DI ASTRONOMIA

I TELESCOPI RIFLETTORI

 I TELESCOPI RIFRATTORI

LE COMETE

GLI ASTEROIDI

LE METEORE

LA LUNA

TECNICA

MODIFICHE 114

SUI PICCOLI STRUMENTI

TUTORIAL - COME USARE LA WEBCAM

 SPAZIO PROFONDO CON POCA SPESA -  MEADE DSI

CONSIGLI PER LA COLLIMAZIONE DEL NEWTON

::::::::::::::::::::::::::::::::

::::::::::::::::::::::::::::::::

Solar Activity Monitor

The images is updated  every ten minutes

Solar X-rays:
Status
Geom.Field
Status

 

 

 

 

WEBCAM

Era il lontano novembre 1999, e mi imbattevo per caso in alcuni siti che parlavano della possibilità di utilizzare una webcam applicata al telescopio.

La cosa sembrava interessante anche per il basso prezzo con cui si poteva acquistare una di queste telecamerine e così andai in cerca di cosa offriva il mercato.

Trovai una webcam Connectix ( ora Logitech ) Quickcam VC ad un prezzo ragionevole anche se non bassissimo ( qualcosa come 199.000 delle vecchie lire ) e appena portata a casa iniziai a disassemblarla. La webcam era abbastanza semplice da smontare e mi limitai a togliere l'ottica e il piccolo filtro ir-cut che in quei modelli non era inglobata nelle lenti ma attaccata davanti al sensore CCD.

      .      
La prima piccola Webcam Logitech VC e il suo sensore Sharp

Le caratteristiche della camera non sono male. Il sensore è un ccd ( più performante dei sensori CMOS montati sulle webcam di fascia piu' bassa ) Infatti la Quickcam VC montava un sensore ccd Sharp LZ2547 con 352X288 pixel 8.2 X 3.8 micron molto interessante per riprese di alcuni secondi poichè nelle lunghe esposizioni, non essendo raffreddata, inizia a produrre troppo rumore di fondo.

Senza dilungarmi troppo in particolari tecnici, dirò che una volta attaccato un barilotto portarullini fotografici al posto dell'ottica, puntai l'ETX verso  Saturno e ottenni le prime immagini che potete vedere qui sotto.

     
Prime immagini ottenute nel 1999 con la webcam Quickcam VC e l'ETX 90

Per quel periodo era una cosa quasi incredibile!

Successivamente acquistai una webcam Kodak DVC 325 che montava il sensore Sharp LZ24BP capace di arrivare a risoluzioni di 640X480 pixel.

                    

Ecco la Kodak DVC e il sensore CCD sensibilmente più grande.

L'ultimo acquisto è stata l'ottima Quickcam  3000 dotata di sensore 1/4" CCD Sony ICX098AK ancora più sensibile delle precedenti usate. Con questa camera ho sensibilmente migliorato la qualità delle riprese soprattutto sui pianeti. Inoltre i driver di controllo sono veramente molto completi soprattutto per quanto riguardo la velocità otturatore e la regolazione del guadagno.

                      

Ecco la Logitech Quickcam 3000 e il sensore Sony ICX098AK

Ultimo acquisto è stata una Meade DSI PRO, vera e propria camera CCD la cui semplicità del suo utilizzo è veramente comoda e la rendono lo strumento ideale per tutti gli osservatori, anche per i più inesperti. La Deep-Sky Imager pro ha il sensore monocromatico e viene viene fornita con i RBG, anche se la procedura di riprendere stesse immagini in tricomia è abbastanza complessa.
La DSI pro monta un Sensore Sony CCD monocromatico ad alta sensibilità: Il sensore Sony ExView HAD™Monochrome CCD con convertitore a 16-BitA/D consente una ripresa con bassissimo rumore.



 

 

Tutti i marchi citati appartengono ai legittimi proprietari

Ultimo aggiornamento Giugno 2012